sabato 15 agosto 2015

Zuppa di crostacei e maltagliati fatti in casa

Finalmente anch'io sono in vacanza e per non annoiarmi, dato che oggi mi sono ritrovata la mattina in libertà (la ciurma è scesa in spiaggia), in bella tranquillità ho preparato dei maltagliati di pasta fresca: l'idea più veloce che sono riuscita a realizzare senza la mia macchinetta per le tagliatelle e senza il mio coltello da cucina da chef. Sono scesa di buon mattino e il pescivendolo mi ha proposto un paio di scampi freschissimi e degli ottimi gamberoni rossi e ho subito realizzato questa buonissima zuppa e in più ho riciclato il pane avanzato ieri trasformandolo in profumati crostini da sposare con la zuppa. E' stato un successo perchè i miei lupi affamati hanno fagocitato il tutto in pochi minuti e per me, il premio più bello è stato vedere la soddisfazione nei loro occhi. Voglio svelarvi i miei piccoli trucchi per ottenere un'ottima zuppa con pochi ma ottimi ingredienti: andrà a ruba!
Gli ingredienti bastano per 4 persone.

  • gr: 250 di farina di semola più quella per lavorare,
  • 2 uova bio,
  • 2 scampi e 6 gamberoni rossi,
  • 1 spicchio d'aglio e prezzemolo fresco,
  • 3  o 4 bacche di ginepro,
  • 5 pomodorini,
  • olio d'oliva evo, sale e pepe nero q.b.
Con la farina, le uova e ml: 50 di acqua preparare l'impasto per i maltagliati facendo riposare l'impasto una mezz'oretta
prima di stenderlo con il mattarello, quindi passiamo alla
preparazione della zuppa: pulire i crostacei togliendo le
teste che serviranno per il fondo e sgusciando le code,
eliminando l'eventuale budellino e mettere da parte.
In un tegame mettere 2 cucchiai di olio d'oliva, lo spicchio d'aglio
privato dell'anima interna e tagliato in 4 parti, le bacche di ginepro e
2 steli di prezzemolo con tutto il gambo quindi accendere il fuoco
moderato e fare scaldare, aggiungere le teste degli scampi, le loro
pinze e le teste dei gamberi e rosolare il tutto pochi minuti
(evitando di fare bruciare) quindi coprire con acqua fredda,
aggiungere solo un pizzico di sale e 3 pomodorini tagliati in 4 parti
(oltre a dare colore alla zuppa, serviranno ad addensare in modo naturale) e avviare la cottura sempre a fuoco moderato per 8/10
minuti circa. Ricordate che i crostacei non debbono cuocere tanto altrimenti si svilupperà il classico odore di ammoniaca che rovinerà la
magia che stiamo per compiere. Con un colino scolare la zuppa  di
crostacei e nel liquido ottenuto cuocere i maltagliati avendo cura di assaggiare e regolare di sale e aggiungendo un filo d'olio prima di versare la pasta che cuocerà in pochi minuti. Solo all'ultimo minuto di cottura aggiungere i gamberoni e gli scampi puliti che avevamo tenuto da parte già tagliati a pezzi di cm: 1 circa. Impiattare aggiungendo in ogni piatto 2 bei crostini di pane tostato,
mezzo pomodorino affettato per dare colore insieme a qualche foglia di prezzemolo.

Nessun commento:

Posta un commento