giovedì 29 ottobre 2015

Filetto di salmone al sale, ricetta veloce


La ricetta del pesce al sale è uno dei metodi di cottura più antichi che si conoscano e che segue lo stesso principio delle cotture sotto la cenere, sotto la terra, sotto la sabbia e, più recentemente, anche sotto vuoto.
Cucinando un cibo sotto sale, pesce, carne o verdure che siano, equivale a cuocere l'ingrediente racchiuso in una membrana protettiva di modo che tutti gli aromi non possano evaporare durante la cottura, ne essere alterati da altri sapori come l'olio della frittura o l'acqua della bollitura. Meglio sarebbe usare sempre del sale marino grosso perchè è più resistente all'umidità e non si scioglie in cottura specie se cuciniamo del filetto di manzo, e lasciare sempre la pelle e le squame se cuciniamo del pesce.


  • 800 gr di filetto di salmone diviso in 4 pezzi;
  • 1 kg di sale grosso da cucina;
  • 1 cimetta di rosmarino fresco;
  • 1 arancia o 1 limone bio;

Preparare una padella pesante, antiaderente e con il coperchio, mescolare del sale grosso da cucina a della buccia d’arancia o limone e foderare il fondo della padella fino a formare almeno 1 centimetro di spessore. Accendere il fuoco e lasciare che il sale si riscaldi bene. Quando è caldo adagiare il filetto dalla parte della pelle, distribuire sul pesce il rosmarino tritato finemente, abbassare il fuoco al minimo, coprire la padella con il coperchio e dopo appena cinque minuti avrete il filetto cotto senza grassi aggiunti e profumato agli agrumi. A piacere potete passare il filetto sotto il grill già caldo per una piacevole colorazione superficiale.
Accompagnare con un purè di patate e piselli o una insalata colorata di ortaggi misti, mais e pomodorini.
P.S. potete fare allo stesso modo filetti di altri pesci come trota salmonata, merluzzo, branzino...

Nessun commento:

Posta un commento