giovedì 26 novembre 2015

Spaghetti all'orientale con gamberi e pistacchi

Una cenetta all'orientale per una serata speciale. Un piatto dal sapore unico e intenso, tipico della cucina orientale, reso ancora più ricco con l'aggiunta del nostro pesto di pistacchio: una bontà da provare. A piacere potete sostituire gli spaghetti con dei noodles di riso. Per 4 persone.
  • 400 gr di spaghetti;
  • 500 gr di gamberi;
  • 4 cucchiai di pesto di pistacchio;
  • 1 manciata di pistacchi;
  • 2 cucchiai di salsa di soia;
  • 1 limone bio;
  • 1 cucchiaino di fecola di patate;
  • olio d'oliva evo;
  • sale marino e pepe nero appena macinato;
Tostare i pistacchi in un padellino per pochi minuti, quindi togliere dal fuoco e frantumarli con un pestello.
Sgusciare i gamberi e tenere le teste da parte che utilizzeremo per la salsa per condire gli spaghetti. Rosolare brevemente le teste in una padella con 2 cucchiai di olio quindi aggiungere un pizzico di sale e 3 bicchieri di acqua. Portare a bollore e fare ridurre della metà, quindi filtrare e rimettere sul fuoco e prima che arriva a bollore aggiungere la fecola e sciogliere aiutandovi con una frusta fino ad ottenere una salsa liscia e vellutata. Condire con un cucchiaio di salsa di soia e una spolverata di pepe nero e tenere in caldo. Cuocere gli spaghetti al dente e nel frattempo versare i gamberi in una padella già calda con 2 cucchiai di olio. Fare saltare pochi minuti e condire con il succo del limone e 1 cucchiaio di salsa di soia. Scolare la pasta e condire con il pesto di pistacchi e i gamberi, tenendone da parte alcuni per la decorazione del piatto e mescolare bene aggiungendo dell'acqua di cottura se necessario. Adagiare sul fondo dei piatti caldi la salsa preparata precedentemente, poi una porzione di spaghetti già arrotolati con il forchettone decorando con qualche gambero e del pistacchio frantumato. Servire caldissimo accompagnando con una coloratissima insalata affettata finemente condita con una vinaigrette di limone, olio, sale, pepe e 1 cucchiaio di senape.

Nessun commento:

Posta un commento