mercoledì 20 luglio 2016

Frittelle di patate alla curcuma e cipolla


Profumate e buonissime, queste frittelle di patate faranno la gioia di tutti perchè le patate piacciono davvero a tutti e questa versione è sicuramente un modo piacevole di offrire un cibo fresco in maniera veramente sfiziosa e gustosa. Accompagnatele a piacere con con verdurine e germogli. Le dosi indicate bastano per 4 persone.
  • 600 gr di patate farinose, grattugiate;
  • 1 cipolla rosa dolce, grattugiata;
  • 1 uovo grande bio;
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere;
  • 3 cucchiai di farina di semola di grano duro;
  • 4 rametti di timo fresco;
  • sale marino e pepe nero;
  • 50 ml di olio d'oliva extravergine;
  • olio di semi di arachide q.b.

Versare le patate e la cipolla grattugiate in un colino e lasciare a perdere l'acqua di vegetazione per circa 20 minuti quindi versare in una ciotola, unire l'uovo, la curcuma, le foglie di timo fresco (oppure origano o finocchio in polvere a piacere), salare e pepare e per ultimo 2 cucchiai di farina. Mescolare bene il tutto e fare riposare 3 o 4 minuti quindi unire l'ultimo cucchiaio di farina solo se necessario: il composto deve risultare un po' denso ma non troppo asciutto. Versare l'olio d'oliva in una padella media e aggiungere 50 ml di olio di arachide e scaldare a fuoco medio quindi versare il composto di patate con un cucchiaio formando delle polpettine schiacciate che lasceremo cuocere a calore moderato fino a doratura da entrambi i lati. Sistemare le frittelle su carta assorbente e continuare fino alla fine del composto preparato aggiungendo dell'altro olio di arachide se necessario. Servire le frittelle caldissime. Io le ho servite con una insalata calda di cipolla a dadini brevemente rosolata in 2 cucchiai di olio alla quale ho aggiunto un pugno di pisellini, 50 gr di mais dolce, 2 pomodori secchi spezzettati e 1 cucchiaio di capperi dissalati. Ho aggiustato di sale e pepe e ho servito le frittelle a torretta con le verdure sistemate sopra e decorate con germogli freschi.

Nessun commento:

Posta un commento