sabato 11 aprile 2015

Ricetta siciliana: gattò (gateau) di patate in padella

Altra ricetta tipica siciliana dal sapore unico: il gattò di patate. Piatto unico per eccellenza, il gattò occupa il posto d'onore tra le pietanze da picnic, per la ricorrenza dei festeggiamenti in onore di Santa Lucia alla quale i siciliani dedicano un giorno privo di farinacei, per la vigilia delle festività natalizie...e comunque quando va di farlo perché è veramente buono. Varia il ripieno all'interno che va dal prosciutto e formaggio al ragù con i pisellini passando anche per le melanzane fritte, tutte versioni una più buona dell'altra. Oggi vi posterò la versione con mortadella e formaggio fresco o sottilette. Provatela. Per 6 persone.

  • kg: 1,2 di patate bollite il giorno prima senza sale,
  • gr: 150 di mortadella affettata della migliore qualità,
  • gr: 150 di primosale o fontina o groviera o 6 sottilette,
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato,
  • 1 cucchiaino di semi di finocchio in polvere,
  • 2 uova medie,
  • gr: 100 di pangrattato,
  • olio d'oliva, sale e pepe q.b.
Spellare le patate e passare allo schiaccia patate o al passaverdure con i buchi grossi, sistemarle in una ciotola capiente e condire con le uova sbattute, i semi di finocchio, 1 cucchiaino di sale, il pepe e il formaggio, dividere l'impasto in 2 parti dei quali una un po' più abbondante dell'altra e con le mani unte di olio, foderare una padella del diametro di cm: 24, di ottima qualità precedentemente unta di olio e ricoperta di abbondante pangrattato, foderando anche i lati e sistemare 3 sottilette spezzettate, poi la mortadella e poi altre tre sottilette o il formaggio scelto affettato finemente. Ungere nuovamente le mani con l'olio e sistemare il resto
dell'impasto e coprire bene il tutto, ungere di olio abbondante la superficie e spargere una mano di pangrattato. Avviare la cottura sul fornello a fuoco moderato usando uno spartifiamma per una diffusione del calore in modo uniforme. Dopo circa 20 minuti o appena si sente un buon odore di pane abbrustolito, con una paletta date una sbirciatina sotto e se ha già un bel colore dorato girare il gattò come una frittata aiutandovi con un coperchio liscio e oliato bene, lasciatela scivolare lentamente dentro la padella e continuate la cottura del secondo lato per altri 15/ 20 minuti, oppure infornare a 180° per circa 40/45 minuti. Va servito fredda o appena tiepido.

Nessun commento:

Posta un commento