mercoledì 8 aprile 2015

Ricetta siciliana: la frittella

Con la primavera arrivano sulle nostre tavole le primizie e allora che dire di fave, piselli e carciofi? A Palermo, questi 3 ingredienti fanno un'unica pietanza: la frittella. Spesso considerato il piatto unico serale trova posto anche tra i contorni o l'antipasto, si può servire sia caldo che freddo ma soprattutto può condire pure un buon piatto di pasta e, se aggiungete qualche cucchiaio di ricotta freschissima, avete preparato una opera d'arte a tavola.
La frittella

  • kg: 1 di fave fresche, piccole e tenere,
  • kg: 1 di pisellini freschi,
  • 4 carciofi tenerissimi,
  • 2 cipollotti bianchi novelli,
  • 1 limone bio e prezzemolo,
  • olio d'oliva evo, sale e pepe q.b.
Pulire i carciofi togliendo le foglie esterne e le spine e tuffare in acqua e il succo del limone dopo averli affettati a cm: 1, pulire pure le fave e i piselli. Tritare i cipollotti novelli e mettere in un tegame di acciaio a rosolare con 4 cucchiai di olio d'oliva, quindi aggiungere le fave, i piselli e i carciofi sgrondati non eccessivamente dell'acqua acidulata insieme a 1 bicchiere di acqua, coprire e avviare la cottura a fuoco moderato, a metà cottura aggiungere 1 cucchiaino di sale e un pizzico di pepe nero e mescolare saltando gli ingredienti, coprire nuovamente e terminare la cottura.
Per un buon piatto di pasta per 4 persone optare per la pasta corta tipo penne o caserecce gr: 320, scolare la pasta al dente e versare in una padella con 4 cucchiai abbondanti di frittella già calda , gr: 100 di ricotta fresca sbriciolata con una forchetta e un po' d'acqua di cottura della pasta, maneggiare bene e impiattare decorando con prezzemolo tritato.

Nessun commento:

Posta un commento