sabato 11 febbraio 2017

Torta morbida alla crema di riso

Sono andata un poco in giro per il web in cerca di "qualcosa di dolce" e ho incontrato il blog di una cara ragazza che, come me, ha il problema dell'intolleranza ai latticini in genere e mi sono commossa come insieme condividiamo i sacrifici e serbiamo nel più profondo del cuore il sapore del caffellatte.
La foodblogger in questione è Giulia del blog "Apprendista pasticciere" e la sua torta alla crema di riso è una bontà. Ha superato la prova dei miei assaggiatori ufficiali, i miei 3 lupi affamati (così indico i miei ragazzi), che al contrario non hanno problemi d intolleranze.
Dose per una tortiera da 24 cm.
     vai al sito
  • 300 gr di farina 00;
  • 200 gr di zucchero semolato;
  • 130 gr di olio di semi di arachidi;
  • 100 ml di latte di riso;
  • 4 uova;
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato;
  • aromi a piacere: scorza d'arancia o di limone;
  • 1 pizzico di sale;
  • zucchero a velo per lo spolvero;
per la crema:
  • 1 uovo
  • 500 ml di latte di riso
  • 60 g di amido di mais
  • 60 g di zucchero semolato
  • aromi a piacere
Cominciamo preparando la crema: mettere il latte a scaldare in un pentolino e intanto sbattere l’uovo con lo zucchero finché diventa bello spumoso, quindi aggiungere l'amido di mais setacciato e mescolare bene fino ad ottenere una crema densa. Versare a filo il latte caldo e amalgamare bene quindi mettere nuovamente il composto sul fuoco finché si addensa. Ricoprire la crema con la pellicola per alimenti e fare raffreddare almeno 30 minuti prima di preparare la base.
Montare le uova con lo zucchero e il sale fino ad ottenere un composto spumoso, quindi aggiungere a filo l'olio sempre continuando a montare, facendo amalgamare bene  Aggiungere la farina già setacciata insieme al lievito, la scorza grattugiata e il latte, mescolando bene in modo da ottenere un composto omogeneo. Versare il composto in uno stampo imburrato e infarinato. Distribuire a cucchiaiate la crema sull'impasto e fare cuocere a 180°C per 30/35 minuti, finché la superficie diventa dorata. Sfornare e fare raffreddare bene prima di sformare il dolce e spolverare con lo zucchero a velo.

Nessun commento:

Posta un commento